Beans

Beans, recensione – TIFF 20

La regista e sceneggiatrice Tracey Deer compie il suo esordio dietro la macchina da presa di un film di finzione con Beans, presentato al Toronto Film Festival 2020, con cui porta sul grande schermo una storia basata su fatti realmente accaduti negli anni Novanta in Quebec.

Al centro della trama c’è una ragazzina Mohawk chiamata Tekenthahkwa, soprannominata Beans (Kiawentiio), che vive con i genitori e la sorellina Ruby (Violah Beauvais) nella riserva di Kahnawà:ke, in Canada. Sua madre Lily (Rainbow Dickerson) spera che la sua bravura negli studi le permetta di ottenere l’iscrizione in un liceo prestigioso, mentre il padre Kania’tariio (Joel Montgrand) teme che la sua sensibilità la possa mettere troppo in difficoltà nel mondo ora che sta diventando adulta. La ragazzina non riesce più a distinguere ciò che vuole veramente da quello che spera di ottenere per soddisfare la madre e soffre in silenzio. Tutto cambia quando una protesta pacifica si trasforma in uno scontro armato dopo che le comunità delle riserve decidono di ribellarsi a un piano di espansione che trasformerebbe un’area sacra in un campo da golf. Durante quella che verrà successivamente conosciuta come Oka Crisis, Beans si avvicina ad April (Paulina Alexis), la ragazza più ribelle e determinata della sua comunità, entrando a far parte del suo gruppo e dando spazio al proprio lato meno accondiscendente e gentile. Intorno ai teenager, obbligati a crescere in fretta, scoppia invece la violenza e l’intolleranza, costringendo Beans a capire per cosa vuole lottare e cosa sogna veramente.

Tracey Deer, autrice anche della sceneggiatura, attinge alla sua esperienza personale per raccontare un passaggio all’età adulta segnato da un confronto duro con una società che considera i nativi americani terroristi e pericolosi dopo la loro decisione di difendere tradizioni e luoghi sacri. Il punto di vista di Beans sugli eventi, in particolare la drammatica sequenza del percorso compiuto in macchina con la madre e la sorella mentre venivano attaccate dai “nemici” del loro popolo, permette di capire la profonda frustrazione e sofferenza provata da chi è ancora troppo giovane per capire fino in fondo le dinamiche politiche e sociali e ormai abbastanza grande per rendersi conto della mancanza di rispetto e dell’intolleranza che la circonda. La giovane Kiawentiio interpreta molto bene le difficoltà affrontate dalla protagonista passando dalla voglia di compiacere la madre, e successivamente i suoi nuovi amici, alla rabbia cieca che la spinge a ribellarsi e ad aggredire. L’attrice gestisce bene i diversi rapporti del suo personaggio con gli altri protagonisti e sa interpretare i tumulti adolescenziali e le paure di Beans in modo credibile e realistico, sostenendo i passaggi più drammatici della storia e quelli maggiormente spensierati con bravura.
La regista e sceneggiatrice sembra aver sfruttato nel migliore dei modi le sue precedenti esperienze, in particolare quella nella produzione della serie Chiamatemi Anna, per costruire un racconto in cui ogni tassello della vita dei più giovani trova il proprio posto senza mettere in secondo piano dei lati della vita quotidiana della protagonista.
L’utilizzo del materiale d’archivio legato alla crisi avvenuta negli anni ’90 non sempre si fonde bene con il resto del film, ma Beans riesce comunque a gestire in modo piuttosto efficace la dimensione collettiva, ripercorrendo degli eventi che risultano particolarmente attuali nel contesto sociale contemporaneo, e quella personale regalando un racconto semplice e, proprio per questo, emozionante e coinvolgente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *