Tag Archives: recensioni tiff

Get the Hell Out, recensione – TIFF 20

Da Taiwan arriva una commedia a tinte horror ricca di azione e riferimenti alla cultura pop: Get the Hell Out diretto da I-Fan Wang e presentato al Toronto Film Festival 2020.
Il film ruota intorno al parlamento dove alcune delle sessioni finiscono, come riportato anche nelle notizie di cronaca, più volte in rissa. Yu-wei (Bruce Hung) lavora da molti anni nell’ambiente e recentemente si è trovato al centro di un acceso dibattito a causa della costruzione di un impianto chimico. L’incontro con l’opposizione rappresentata da Ying-ying (Megan Li) non va come sperato perché il padre della donna vive in un villaggio che verrebbe distrutto se il progetto venisse approvato. Una serie di eventi rovina la reputazione di Ying-ying e segna la vittoria del gruppo guidato dall’ex gangster, diventato primo ministro, Li (Wang Chung-huang). Yu-wei viene invece promosso e diventa un membro del parlamento. Poco dopo un misterioso virus si diffonde tra i politici e Yu-wei e Ying-ying devono collaborare per riuscire a sopravvivere.

Get the Hell Out non offre forse particolari elementi originali, ma la commedia horror riesce comunque a divertire e intrattenere con le sue situazioni sopra le righe, le interpretazioni a tratti esagerate e la grande quantità di sangue. Rimanendo un po’ sulla scia di cult del genere come quelli diretti da Edgar Wright, Get the Hell Out non esita a usare la satira politica in momenti iper violenti e surreali. Tra personaggi dipendenti dalla televisioni, idealisti e cinici, la narrazione prosegue con un montaggio rapido che non permette mai di dare spessore ai personaggi.
Per un pubblico internazionale, inoltre, i tanti riferimenti alla cultura popolare locale, con passaggi legati ai social media e a star della musica, potrebbero causare un po’ di confusione e limitare l’effetto comico delle battute.
L’elemento politico è invece affrontato in modo diretto e senza filtri trasformando i parlamentari in zombie che attaccano e uccidono, senza alcuna considerazione.
La regia di I-Fan Wang sa costruire dei momenti ben coreografati che trascinano gli spettatori verso un epilogo che, nonostante il divertimento, non lascia il segno pur soddisfando gli appasionati di b-movie folli e che sanno riflettere in qualche modo la società in cui sono ambientati.